Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2220. Er vino de padron Marcello

 

Bono, sangue de bbio! bbravo Marcello,
che oggi nun me dài sugo d’agresta!
Cqua, cqua ’n’antra fujjetta ugual’a cquesta,
e abbada a nun sbajjatte er caratello.

 

Oh cquésto se ddí vvino de festa!,
gajjarduccio, abboccato, tonnarello...
Hah! ttarimette er core in ner cervello,
e ttarillegra senza datte in testa.

 

Com’è lliggero poi! com’incanala!
Questo arifiata un morto in zepportura,
e tte je fa rimove er cresceccala!

 

Propio è una manna, è un ettore addrittura!
E ssimmai pe ddisgrazzia uno s’ammala,
co sto vino che cqui ggnente paura.

 

17 gennaio 1847

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License