Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2221. L’arisseggnazzione

 

Piano co ste caluggne: io nun me faccio
de quer paese che nun , ffratello.
Me n’accorgo da me che nun bbello
ma manco crederò ddèsse un pajjaccio.

 

Basta, a ’gni modo, me trovo un straccio
de strappinetta da ingabbià er franguello:
’na scortichina, fía d’un scarpinello,
che, ppuro, s’ho ’na vojja, me la caccio.

 

Capisco ch’è una subbia, ch’è una spazzola,
ch’è mosscia, che ttiè un naso martellato
da invidia a una perla scaramazzola,

 

che, inzomma, nun è ttanta fregareccia:1


ma aringrazziamiddio, disce er curato:
tempo de caristia, pane de veccia.

 

17 gennaio 1847

 




1 Giovereccia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License