Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2223. L’enfitemus

 

Ma er zor don Craudio eh? cquer bon pretino!
voria bbuggiaramme senza sputo.
Bontà ssua, nun scita oggni minuto
per cànnolo dell’orto e dder giardino?

 

Ma cche ccosa s’imbrojja stassassino?
che vva ccercanno sto villan futtuto?
Co l’assciutta, per dio, c’avemaúto
che nemmanco s’è ccòrto un gensusmino!

 

Disce: «Er cànnolo curre tutti l’anni:
io nun un cazzo d’ummidi e d’assciutti:
li quadrini mmii, vostri li danni».

 

in buggiarate grosse er zor don Craudio.
Peno io? peni lui: penamo tutti.
Dunque, male cummune è mmezzo gaudio.

 

18 gennaio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License