Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2224. [Lui, doppo un anno e ppiú
cche sta ingabbiato]

 

Lui, doppo un anno e ppiú cche sta ingabbiato,
sento c’abbi da esscí sta sittimana:
ma llei... uhm! nu lo so, ssora Bbibbiana,
come l’impiccerà cquann’è scappato.

 

Je va adesso pe ccasa una mammana...
Ce vedo bbazzicà ppuro er curato...
Ce ronneggia una spia der Vicariato...
Ah! ccià da nassce llí cquarche bburiana.

 

Io je lo disse tanto a cquella strega:
«Sta a la lerta, Luscia, bbada, commare:
fin che nun torna lui, serra bbottega».

 

, llei ssempre er zunegozzio uperto.
E io la lasso ccome je pare;
ch’io nun ciò ggrazzia a ppredicà ar deserto.

 

19 gennaio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License