Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2225. La bona vecchiarella

 

vvecchia, fijja: ho cquarche e cquarcannuccio
piú de tu’ nonna, sai, cocca mia bbella?
e jje lo dico sempre a mmisorella:
«Presto presto m’attacchi lo scoruccio».

 

Eppuro va’!, cquer benedetto Muccio
jeri me fesce scantinà in cappella.
Eh, oggni tanto la fo una sfuriatella:
ma ssò ffochi de pajja, e ppoi m’accuccio.

 

Io lo capisco, de sangue callo,
e ddo scannolo a ttutta la famijja,
sibbè in ner core nun vorebbe dàllo.

 

E appena quer prim’impito è ppassato
darebbe er zangue mio (credeme, fijja)
ch’er malesempio nu l’avessi dato.

 

20 gennaio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License