Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2230. Er Papa e li frati

 

Er zanto-padre è un bon fijjolo; ma
li frati, a fforza de tiranne ggiú,
ve lo fariano crede un Berzebbú
da distrugge le cchiese e le scittà.

 

E ccor loro fagotto de vertú
meno un tantin de fede e ccarità,
si ssentissivo poi, li mappalà
che sti santi je manneno llassú!

 

E vve canteno tutti in amirè
c’a llui jamanca quarche ggiuveddì
e ffa da Papa nun ze sa pperché.

 

Romani, e ve voressivo avvilí?
No, dite com’io dico tra de :
«Tufa a le fraterie? Mejjo accusí».

 

23 gennaio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License