Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2231. Un piggionante d’un piggionante

 

Ho affittato una stanzia a un giuvenotto
che, cquant’è vverIddio, dev’èsse matto.
Se mette a spasseggià ttutt’in un tratto,
e ssarifferma poi tutt’in un botto.

 

sse sdraglia sur letto a bbocca-sotto,
poi s’arza, penza e ttarimane astratto,
soffia, invetrisce l’occhi com’un gatto,
arza la fronte e cce se un cazzotto.

 

llegge un libbro e scrive quer c’ha lletto:
doppo canta e arilegge quer c’ha scritto;
e ppe un par d’ora e piú fa sto giuchetto.

 

Inzomma in testa j’ha ppatito er fritto;
ma, cquer ch’è ppeggio pe mmé poveretto,
nun cià un bajocco da pagà l’affitto.

 

23 gennaio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License