Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2233. Er fatto de la fijja

 

Lui, propio er mercordí de carnovale,
la trova: je tiè ddocchio: je va appresso:
l’arriva sur portone: ar temp’istesso
je parla: l’accompaggna pe le scale:

 

senza nemmanco dimannà er permesso,
entra co llei: la tira per zinale:
doppo tre ggiorni lei se sente male...
Bbasta, è ssuccesso poi quer ch’è ssuccesso.

 

E pperch’io sbattajjai doppo tre mmesi
er zor Contino me mannò ssei scudi!...
Voressi tu cche nu l’avessi presi?

 

Li pijjai perch’è un fijjo de famijja;
ma, ddico, sei scudacci iggnud’e ccrudi
pe l’onore che ssò, povera fijja?

 

gennaio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License