Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2234. La bbatteria de cuscina

 

E cciò ccompro pur io corda e ggirella,
’na spianatora, un cuccomo de rame,
nove piatti, duchicchere, un tigame,
un treppiede, un zoffietto e una tïella.

 

No, ho sfranto poco, perc’aveva fame
e spacciava pe ggnente, poverella!
Eppuro scera una gran robba bbella;
ma adesso c’è arimasto er maruame.

 

Quell’era tutta robba c’ar marito
ch’era coco d’un prencipe che mmorze
questo je la lassò ppe bbonzervito.

 

E llei, rimasta vedova, arisòrze
de venne tutto, appena l’appitito
l’apperzuase a ffà cquer che llui vòrze.

 

26 gennaio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License