Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2235. La serva e ’r cappellano

 

Pe scappà da Don Pio, che mme fa er caro
e jannava una scerta fantasia,
io scausarmente urtai la scrivania,
e ’ggni cosa volò ssinar zolaro.

 

Pènzete quanno poi venne de via
er padrone e mme chiese er calamaro!
ssu le prime me cascò un callaro
d’acqua bbullentaddosso, Angela mia.

 

Poi disse: «Eccheme cqui: mmo er fatto è ffatto,
e jje confesserò tutt’appuntino.
Er calamaro l’ha sfassciato er gatto».

 

Ah! vve penzavio, sposa, che noi fossimo
regazze d’accusà cquelabbatino?
Io nun bbona de mmale ar prossimo.

 

26 gennaio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License