Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2236. Le limosine demonetate

 

Nun c’è ppiú amor der prossimo, fratelli!
Cqua, pprima, un poverello era un ziggnore;
e adesso un poverello è un marfattore
da serrà cco le porte e li cancelli.

 

Nun c’è ppiú ccarità, nnun c’è ppiú ccore!
Eppoi disce: «Iddio manna li fraggelli!».
Ma llassa , cché ssenza poverelli
se farà sto paese un bell’onore!

 

Come se capirà, ssenzaccattoni,
si a Ggesucristo er popolo sce crede,
oppuro è una scittà dde framasoni?

 

Disce: «Sempre darà cchi ssempre diede».
Quest’è un discorzo de li mi’ cordoni.
A cchi sse , cquanno ggnisuno chiede?

 

27 gennaio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License