Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2238. La congregazzione

 

Presidente, archidetto, segretario,
sínnico, computista, fabbriscere,
esattore, ecolonimo, cassiere,
tutti abboccheno a ccresceme er zalario.

 

«Io te sostengo, io nun te ccontrario,
io te do er voto, io ciaverò piascere,
è de dritto, è de ggiusto, è de dovere,
io lo trovo addescente, io nescessario...».

 

Ma cquanno ste bbravissime perzone
le vado a rrisentí ddoppo er congresso,
«Eh, vv’è ccontraria la congregazzione».

 

E oggnuno intanto torna a ddí ll’istesso:
«È de dritto, è de ggiusto, è de raggione:
ma... mma er conzijjo nun ddà ir permesso».

 

28 gennaio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License