Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2240. Er zampietrino nîobbe

 

Era un pezzo, ma un pezzo assai lontano
ch’io fascevo la caccia a una regazza
giú ppe li colonnati, pe la piazza,
pe le logge, pe ttutto er Vatigano.

 

E ddiscevo tra mmé: « un gran gabbiano!
Sta strega me cojjona, me strapazza...».
Quanto jjeri ecco un panno che svolazza,
e mme vedo un zegno da una mano.

 

È llei! Appizzo allora sott’ar portico,
da la parte che gguarda Bborgo Novo,
pe ccombinà l’affare de lo scòrtico.

 

Ma cquanno a la porta de San Pietro...
cazzo! è un Domenicano! e mmaritrovo
cor una man’avanti e un’antra dietro.

 

29 gennaio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License