Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2241. La lingua francese

 

Se crede sta cardea, perch’è ffrancese,
che nnoi sémo un stallone de somari,
e cqui nun ze capischi e nnun zimpari
la lingua che sse parla ar zupaese.

 

E che quanno sciangotta cor Marchese
de l’affari de casa o ddantri affari,
li su’ scescè sciusciú nun ziino chiari
quant’un ber mazzo de cannele accese.

 

Se n’è accorta però sta puttanella
quanno c’oggi j’ho detto a l’improviso:
«Futter oví nnepà, mmadamusella».

 

E ttabbasti a sapé ssi sse n’è accorta,
c’a sto discorzo mio tanto prisciso
m’è arrestata in faccia mezza morta.

 

29 gennaio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License