Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2242. Lo sgrinfiarello affamato

 

Nun me ne fo ggnisuna maravijja
si ll’ha ttanto co mmé cquer zor fischietto.
Tutt’è pperch’io nun vojjo sto traghetto
che llui facci er cazzaccio co mmifijja.

 

Figurete, ddiesci de famijja,
nun cianno manco le lenzola ar letto!...
e vvò Nnèna? dasse un Crist’in petto,
ma inzin che ccampo io, lui nu la pijja.

 

inutile co mmé tutte ste sscene.
Stia zzitto, stia: vadi a imparà cquarcarte,
in cammio de er vappo e ’r Galimene.

 

Lui?! quer grilletto?! a mmé?! le guance rosse?!
È aritornatar monno Bbonaparte?
Oh cqui ssí cche le purce hanno la tosse!

 

30 gennaio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License