Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2243. Un rompicollo

 

Uhm! ppe mmé, ppiú cche penzo a sto penziere,
meno arrivo a ccapí, ssora Todora,
come diascusci mai la su’ sartora
se sii tant’incescita der barbiere.

 

Una che ppotería la signora
annasse a incecalí cco cquer piviere,
che ffa ppoi quella razza de mistiere,
ché, ddio mio!, se ne casca a ddodisciora!

 

Ce voríeno pe llei cose ppiú ggrosse,
un omo com’e mmé, ssodo, affonnato...
cquer pidocchio llí, cquer cacca-e-ttosse.

 

Si lo sposa, ha da èsse un scenufreggio.
Guai a llei! fa un gran brutto pangrattato!
Ma! le donne s’attaccheno ar piú ppeggio.

 

31 gennaio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License