Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2247. La mamma uscellatora

 

Nun me sta bbene a mmé ddèsse la tromma
der zangue mio; ma, mmó cche nun me sente,
co llei, sor Pio, ch’è un giovene prudente
questo lo posso , ppovera Momma!

 

Sta ggià in vent’anni e ancora nun za ggnente,
è ppropio una cratura, è una colomma:
e cquanno c’ha..., llei me capissce: inzomma,
se gguasi chiamà ttroppinnoscente.

 

E nun parlo accusì pperché mm’è ffijja:
ché cchiunque co llei scià cconfidenza,
disce: «Bbeato lui chi sse la pijja!».

 

Basta, lassamo sto discorzo ozzioso:
dico, e llei, sor Pïuccio, quanno penza
de trovà una regazza e ffasse sposo?

 

12 febbraio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License