Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2248. La vedova aringalluzzita

 

Sta vedovella lo tiè ttanto vero
che lo sgrinfio la sposi a ccarnovale,
che ggià ttiè in pronto er zuletto nunziale
e un bell’abito rosso e un sciallo nero.

 

S’io perantro ho da dilla tal e cquale
come la tengo in corpo, io nun ce spero:
pe mmé, cquer dritto nun je viè ssincero.
er frutto quello llí, nnò er capitale.

 

E ggnente-ggnente poi che llei se lassa
sgraffiggnà quarcacconto de la dota,
uhm! nun te dubbità ché vvò stà ggrassa.

 

Sperà ccore da lui! povera ssciòta!
Si jje spareno a cquello la carcassa
je sce troveno in cammio una carota.

 

12 febbraio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License