Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2249. Er girello de Mastro Bonaventura

 

spari, spari , Bbonaventura:
fammelo, va’, ppe l’amor de Pio Nono:
li spari a Nnastasia, nnun te cojjono,
je ppropio contrari a la natura.

 

M’abbasta l’an passato la pavura
che sconciassi pe ccausa de quer tòno;
ché ppoi sce vorze der bello e der bono
pe ccacciajje da corpo la cratura.

 

Io nun te dico che nun fai ggirello:
fallo, ma de funtane senza bbòtti,
o, ar piú, cquarche rrazzetto cor cannello.

 

E ssi cce trovo poi bbattajjeria,
doppo che tt’ho appoggiato ducazzotti
pijjo mi mojje e mme la porto via.

 

gennaio-febbraio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License