Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2250. [«E io che ancora nun ho mmai possuto»]

 

E io che ancora nun ho mmai possuto
ingranní llostaria sott’a la torre?
Nun l’arrivo a spuntà cco cquer cornuto
compaggno de Nabbuccodonosorre!

 

Me traccheggia, lo so, pporco futtuto!
ma cco stomaccio vacce un po’ a discorre:
t’arisponne cor zolito irre-orre
e tte stracca a minuto pe mminuto.

 

E llantra de volé cche cce se parli
sempre pe la trafila de la mojje,
piena de zzaganelle e zzirlivarli?

 

Ch’io je darebb’un carcio, iddio ne guardi,
propio indove je pijjeno le dojje
quanno popola er monno de bbastardi!

 

14 febbraio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License