Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2254. Er tempo materiale

 

Tu ddichi che lui sta nne li contorni
de Fiorenza a sserví cco una famijja:
de cqui e ce saranno un cento mijja:
queste er curiere le ffà in sei ggiorni:

 

tu mannassi la lettra la vigijja
de San Filippo ch’io ggiucai li storni:
lui, ar conto ch’io ffaccio, oggi la pijja;
e la risposta ggià vvòi ccaritorni?

 

Aspetta un po’: nnavemo oggi... trentuno:
dajje un tre ggiorni pe ppotella scrive
o ppe ffassela dda quarchiduno.

 

Dunque: uno, dua e ttre: ttre e ssei fa nove:
bbe’, er diesci ggiuggno, si ssaremo vive,
vierò a ttrovatte e mme darai le nove.

 

16 febbraio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License