Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2257. Er primo giorno de quaresima

 

Finarmente è spicciato carnovale,
corze, bballi, commedie, oggi ariduno:
ttornate le scennere e er diggiuno:
de prediche è tempo e de caviale.

 

De tanti sscialacori oggi gnisuno
ssoverchià chi non ha uperto l’ale:
er zavio e ’r matto adesso è ttal e cquale:
o ss’è ggoduto o nnò, ssemo tutt’uno.

 

Addio ammascherate e carrettelle,
pranzi, cene, marenne e colazione,
fiori, sbruffi, confetti e carammelle.

 

Er carnovale è mmorto e sseppellito:
li moccoli hanno chiusa la funzione:
nun ze ne parla ppiú: ttutt’è ffinito.

 

17 febbraio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License