Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2258. Er frate scercante

 

Chi mm’è entrato in bottega, eh ssorostessa?
Sete voi, fratiscello? e cche vvolete?
Volete la limosina? tenete:
pregatiddio pe mmé ddrent’a la messa.

 

Come sarebb’a ddí? nnun zete prete?
Ma er cappuccio e la tonica è l’istessa.
, pper interressà nnun m’interressa;
ma ssò ccuriosa de sapé cche ssete.

 

Sete laico? ma llaico in cuncrusione
che ssiggnifica? ah ssí, mme n’aricordo:
frate laico ddí ffrate torzone.

 

Bbasta, v’ho ddato da riempí la panza;
ma un’antra vorta, e nnun me fate er zordo,
portateme un tantin de misticanza.

 

18 febbraio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License