Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2259. Er tempimpasce

 

E ancora nun ritorna co sta tela!
Nun c’è ccaso: chi vvò le cose leste
basta in un logo de mannacce Oreste,
ciarivedemo a llume de cannela.

 

Ma ssi un giorno me sarteno le creste,
oggi o ddomani che mme pìa de vela...
Eccolo er zor-don-Dezzio-co-le-mela!
se ne viè ccor passetto de le feste!

 

Ôoh bben tornat’a llei, caro sor moncio:
lei è scarmato assai: pijji una ssedia:
commanna vino? gradirebbe un pòncio?

 

E cche nnove sci , sor cul-de-piommo?
È stato forzi a vvede la commedia
der viaggio di Cristofeno Colommo?

 

19 febbraio 1847

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License