Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2260. Anticajja e pietrella

 

E in ste patacche muffe, sor Pisano,
ce sapete trovà ttante bbellezze?
Ho ppaura che in cammio de ricchezze
ve troverete co le mosche in mano.

 

Ce antro che a ffuria de carezze
smiccialle da viscino e dda lontano:
voi (ve lo disce un povero gabbiano)
ciarimettete l’unguento e le pezze.

 

Già vve ce sete mezz’indebbitito;
e ffinissce a lo striggne de li conti
che pperderete poi nicch’e ppartito.

 

Guardate quello a strada de la crosce:
sibbè lo porta er cavajjer Visconti,
nun ccaccianneccucca nné nnosce.

 

25 febbraio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License