Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2261. Lo svicolo der discorzo

 

Fortar discorzo. Io dico si la vasca
oggi tocca a vvojantre o ttocca a nnoi;
e ttu cce schiaffi immezzo er zor Belloi,
la piggione, er giudio, l’ova, la lasca...

 

Fijja, nun me sartà de pal’in frasca:
si nun me voi capí, ffacquer che vvòi.
Me n’annerò dar prisidente; eppoi,
quann’ha pparlato lui, chi ccasca casca.

 

E ssenti a mmé cche pprofezzia te faccio:
co sta connotta tu e le tu’ sorelle
presto, ve lo dich’io, date er bottaccio.

 

Curato e pprisidente de l’urione
je sa mmillanni ggià, ccocche mi’ bbelle,
de levavvese dalla divozzione.

 

26 febbraio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License