Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2265. Er ladro d’onore

 

, jj’ho ddato der ladro, e ttu ddirai
che lladro è fforzi un termine un po’ brutto;
ma jj’ho ddato der ladro assciuttassciutto,
e ssu l’onore nu l’ho ttocco mai.

 

L’onore che ttiè llui dunque è de strutto
si ppe un gnente ce fa sto tatanai:
bisoggna che cce n’ha ppoco assai
si una parola je lo squajja tutto.

 

Der ladro, e nnun ze sturbeno, lo do
puro a ttantantri; e ccome questo cqua
s’abbi da offenne tanto, io nu lo so.

 

J’ho ddetto ladro: ebbè? cche mmai sarà!
Pe un êlle, un’a, un , un êrre e un ò,
c’entra tutta sta gran pubbriscità!

 

28 febbraio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License