Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2266. Er fornaro fallito

 

Com’aveva d’annajje a cquer Mammoccio?
J’è ita che in tre anni e cquarche mmese
s’è vennuta la robba der paese
e a Roma ha bbastonato er forn’a ssoccio.

 

Sin che de sugo ce n’è stato un goccio
l’ha spremuto da prencipe Bborghese,
e a ffuria de spropositi e de spese
poi j’e ttoccato a ddí: semo a ccartoccio.

 

La gran risorta sua nu la sai, Teta?
Pijjà in piazza quadrini su li fonni
e ddàlli su le punte de le deta.

 

Nun te pare un bonissimo interresse?
Questi cqui ssò gguadaggni monni monni
com’er pijjà da tesse pe ddà a ttesse.

 

28 febbraio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License