Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2268. La regazza piccosa

 

Nun me ? nnun me pijji: se ne stia:
facci la pasce sua: nun me ne curo.
Mica me sce darò la testa ar muro:
mica sce schiatterò, Bbríscita mia.

 

Già cche mme llassà, mme lassi puro:
nun ce sarà ppiú vvino a l’osteria?
Vadi, se roppi er collo, scappi via,
ch’io nu jje curro appresso de sicuro.

 

Come?! quanno l’ha ddetto, era ubbriaco?
Caro! metteteje er detino in bocca!
Che bbelle scuse, povero sciumaco!

 

Cosa disce er curato? «In vino vèrita».
Io, pe rregola sua, nun una ssciocca.
Ggnente: chi nun mi vòle nun mi merita.

 

marzo 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License