Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2269. Er bon core

 

No, ppe la pura verità, ssorAnna,
questa cosa-che-cqui bbisoggna dìlla:
in quant’a ccore, er core de Cammilla
pare propio una cammera-locanna.

 

Voi lo vedete, che ssi ccià una spilla
ve ne manna un pezzetto, ve ne manna;
e cquanno stavio male a la filanna
chi vve curze a ppijjà la capomilla?

 

Dunque, sorella, nun ve facci spesce
si cquer giorno che ccera Sarvatore
lei fascessi pe llui quello che ffesce.

 

O bbene o mmale, o amore o nun amore,
lassatele sfiatà ste bbrutte scêsce:
è stato tutt’affetto de bbon core.

 

marzo 1847

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License