Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2270. La commare de l’aritirato

 

Mannaggia er corpo tuo! co sta caterba
de debbiti, sce vòi l’abbito novo?
Nu lo vedi, per dio, che m’aritrovo
drent’a la frateria de la Minerba?

 

Te sei maggnata la gallina e llovo,
hai corta l’uva fatta e lluva ascerba,
m’hai fatto vvenne li lavori in erba...
e mmó cchi bbollo? l’anima de Bbòvo?

 

Ôh, ssai che tt’ho da ? cche ttu mme puzzi
de caroggnaccia fràscica, commare.
Pe ccontentatte, m’ho da a ttajjuzzi?

 

Bbe’, vvattene e ffinimo ste caggnare.
E cquann’ho vvinto una partita a ttuzzi,
allora te farò cquer che tte pare.

 

marzo 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License