Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2271. La praticaccia

 

A la larga, munzú, dda scerta ggente!
Quanno viè llei, de bbotto io faccio tela.
Co cquer brutto stuppino de cannela
nun m’aggarba de stacce un accidente.

 

Ah nnun lo sa, la poverinnoscente,
che tratta mi’ marito e sse lo pela?
Ma stistoria finissce co le mela,
e a llongo nun annà cche sse ne pente.

 

Sinora è llei che mme la fa ppulita:
ggiucamo a ppar’e sséparo da un pezzo;
ma nun zempre se vince la partita.

 

Co cquer ber muso che tte smove er vòmmito!
Ma abbadi a llei, cché ssi rroppemo er prezzo,
forzi averà da mozzicasse er gómmito.

 

marzo 1847

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License