Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2272. La povera sciorcinata

 

Eh, fijja, da chi vvôi che mmarivorti?
Li parenti sce ll’ho, ma ssò pparenti.
Ce n’ho, ar meno che ssia, quìnisci o venti;
ma da un pezzo pe mmé ssò ttutti morti.

 

Sin che ppòi dajje da arrotà li denti
te li porti per laccio, te li porti:
ma, ggnente-ggnente poi che sse accorti
ch’er cammino è smorzato, aria a li vênti!

 

Fijja, er monno va appresso a la furtuna;
e la furtuna, tu lo sai pe pprova,
va ssiconno li quarti de la luna.

 

Ce ppascenza: nun è cosa nôva.
La casa de la ggente che ddiggiuna
sta llontano, e ggnisuno l’aritrova.

 

marzo 1847

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License