Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2277. Er ribbarta-compaggnia

 

Annamo a l’osteria de la corona:
bbe’? ffavorissce lei, sor bragalisse?
Che? nnun ce vveni? bbravo, pe ccrisse!
ce ne..., mme spiego?, una bbona fattona.

 

Senza la faccia sua da bbiribbisse
tanto se bbeve, se canta e sse sona;
perché nnoi semo ggentaccia a la bbona
che cce piasce a stà alegri e ddivertisse.

 

Se cosci puro in de l’acquaccia sua;
e ssi jje puzza er fiato der cristiano
pijji casa in ner ghetto de la rua.

 

E nun facci la ronna da lontano,
ché, ddímolo in zegreto fra nnoi dua,
questo puzza un tantin de paesano.

 

2 marzo 1847

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License