Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

66. La Providenza

 

È un ber 1 cc’a sto Monno sce 2 ssorte
si nun l’hanno antro3 che bbaron futtuti.
Er cristiano ha da : «Che Ddio sciaggliuti4
e cce pôzzi5 scampà dda mala morte».

 

Io te l’ho appredicato tante vorte
c’a stora lo direbbeno li muti.
Ma ttu, ppe ggrattà er culo6 a sti saputi,
sce schiaffi in cammio7 «S’Iddio-vô-e-la-corte».8

 

ccazzi:9 cquaggiù ttutto è ppremissione9a
der Zignore sortanto, e nnun ze move
fojja che Ddio nun vojja,10 in concrusione.

 

Abbasta d’avé ffede e ddevozzione;
e ppoi fa’ ttirà vvento e llassa piove.11 S’Iddio serrana porta, opre un portone.12

 

Terni, 29 settembre 1830 - De Pepper tosto

 

 




1 È un bel dire.

2 Ci vuole.

3 Altro.

4 Ci aiuti.

5 Ci possa.

6 Per lusingare.

7 Ci metti invece.

8 Se Iddio vuole e la corte (cioè i birri): riserva naturalissima in chi va soggetto a due influenze, quella del Cielo cioè, e quella del delitto che fa precaria la sua libertà.

9 Sono ridicolezze; è inutile.

9a Permissione.

10 Non voglia.

11 Lascia piovere.

12 Proverbio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License