Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

68. Er ricordo

 

Er giorno che impiccorno Gammardella
io m’ero propio allora accresimato.
Me pare , ch’er zàntolo a mmercato
me pagò un zartapicchio1 e ’na sciammella.1a

 

Mi’ padre pijjò ppoi la carrettella,
ma pprima vorze gode1b l’impiccato:
e mme tieneva in arto inarberato
discenno: «Va’ la forca cuant’è bbella!».

 

Tutt’a un tempo ar paziente Mastro Titta2
jappoggiò un carcio in culo, e Ttata a mmene3
un schiaffone a la guancia de mandritta.

 

«Pijja», me disse, «e aricordete bbene
che sta fine medema sce sta scritta
pe mmillantri4 che ssò mmejjo de tene».5

 

Terni, 29 settembre 1830 - De Pepper tosto

 

 




1 Un balocco che salta per via d’elastici.

1a Ciambella.

1b Volle godere.

2 Il carnefice è a Roma conosciuto sotto questo nome.

3 Me.

4 Altri.

5 Te.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License