Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

75. Ar bervedé1 tte vojjo

 

Sor chirico Mazzola,2 a la grazzietta:
che! nun annamo a ppiazza Montanara
pe ssentí a ddí cquella facciaccia amara:
Tenerell’e cchi vvô la scicurietta?3

 

! ffatteve tirà un po’ la carzetta4
pe ccurre da la vostra scicoriara!
Ve vojjo bbene cor pumperumpara!5
Cuann’è Nnatale ve ne do una fetta.6

 

Eh vvia, ché ggià sse sa ttutto l’intreccio:
a mmezza vita sce sugate er mèle,
e ppiú ssú ffate er pane casareccio.7

 

Ammannite però cquattro cannéle;
e cquanno vierà er tempo der libbeccio8
pijjateje un alloggio a Ssan Micchele.9

 

Terni, 4 ottobre 1830 - De Pepper tosto

 

 




1 Vedi il sonetto

2 Nome di scherno che si da a’ chierici.

3 Grido de’ cicoriari.

4 Fatevi un po’ pregare.

5 Espressione derisoria.

6 Cioè di pangiallo.

7 Maneggiate le poppe.

8 Tempo sinistro.

9 Vedi sonetto

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License