Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

76. Un’opera de misericordia

 

Nun annà appresso a Ttuta, ché cco cquella
se vede bbazzicà1 sempre un zordato;
e ddicheno che un fir de puttanella
je s’è da quarche ttempo appiccicato.

 

Mezz’anno fa ppe ccerta marachella2
annò a Ssan Rocco3 a spese der curato;
e tu tte fidi ar nome de zitella?
Omo avvisato è ggià mmezzo sarvato.

 

Pe mmé è una santa donna; ma ll’ho ddetto,
la ggente sciarla: e ppe ffàlla segreta
nun je se appricà mmica er lucchetto.

 

Fàcce,4 si cce vòi , sseta-moneta;
fàcce a nisconnarello e a pizzichetto;5
ma nun metteje6 anello in ne le déta.

 

Terni, 5 ottobre 1830 - De Pepper tosto

 

 




1 Praticare.

2 Intrigo.

3 Ospizio pei parti segreti.

4 Facci.

5 Tre giuochi fanciulle.

6 Non metterle.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License