Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

77. Te lo dico pe bbene

 

Che! ancora nu lo sai che cquella vacca,
parlanno co li debbiti arispetti,
incomincia a ttrattà li pasticcetti,1


e pe cquesto arza quer tantin de cacca?2

 

Fa’ a mmodo mio, tu pijjela a la stracca;3
ma abbadamo a le punte de li tetti,
perché tt’ha da infirzà ttanti cornetti
pe cquanti peli tiè nne la patacca.

 

Tira avanti accusí: ttiètte le mano; (v. nota 3)
ché ppoi co tté cce ggiucheranno a ppalla,
si scappi la patente de roffiano.

 

Bbatti la piastra mo ssino ch’è ccalla.
No? bbravo, Meo:4 te stimo da cristiano! (v. nota 3)
Fa’ scappà er bove, e ppoi serra la stalla.5

 

Terni, 6 ottobre 1830

 

 




1 Zerbinetti.

2 Albagia.

3 Modi ironici di consiglio.

4 Accorciativo di Bartolomeo.

5 Proverbio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License