Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

80. Lo Sposo c’aspetta la Sposa pe sposà1

 

ffora nun c’è un cazzo c’arifiati:
qua ddrento nun c’è un’anima vivente.
Dove diavolo sse fficcati,
je pijja a ttutti quanti ’n accidente?

 

Che sserve de stà a ffà ppiú l’ammazzati,
si nun ze sente un cane nun ze sente!
Oh, ssai che ffàmo? annamescene in prati2
a ggiucà a bboccia e ppoi... Zitto! viè ggente.

 

Ma bbuggiaratte, Iddio te bbenedichi,
è un anno che ssagrato3 a la parrocchia,
che mommó rriviè er tempo de li fichi.

 

, ffamme sceggne er latte a le ginocchia!4
Lo sai perché tte sposo? pe l’amichi:
c’ar fuso mio nun mmancà cconocchia.5

 

9 ottobre 1830

 

 




1 Sposo, ecc., colla o stretta.

2 Adiacenze del castello S. Angiolo, già Mole Adriana.

3 Bestemmio.

4 Fammi nausea.

5 Equivoco; e vale: «Ti sposo in grazia degli amici, che mi v’inducono, ecc.»

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License