Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

81. Li frati

 

Sora Terresa mia sora Terresa,
io ve vorrebbe vede appersuasa
de nun favve ggirà ffrati pe ccasa,
ché li frati rrobba pe la cchiesa.

 

Lo so bbè io sta ggente cuer che pesa
e cquanto è roppicula e fficcanasa!
Eppoi bbasta a vvedé ccom’è arimasa
co cquer patrasso1 la commare Aggnesa.

 

Sti torzonacci pe arrivà ar patume2
te fanno punti d’oro; e appena er fosso
l’hanno sartato, pff,3 tutto va in fume.

 

C’è da facce4 in cusscenza un fianco grosso!
Ortre ar tanfetto poi der suscidume
de sudaticcio concallato5 addosso.

 

9 ottobre 1830

 

 




1 Padre graduato.

2 Carne delle parti, ecc.

3 Suono di un gas compresso che sventa.

4 Farci.

5 Sudore in fermento.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License