Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

83. Un miracolo grosso

 

Pijjate un grancio: er fatto der dragone
nun fu un cazzo1 a Ssan Chirico e Ggiuditta.2
Ditelo a mmé, cche mme l’ha ddetto Titta
che jje l’ha ddetto Bbonziggnor Ciardone!3

 

Voi ’ntennete de quer che ssan Leone,
doppo avé lletto un po’ de carta scritta,
lo portò ccor detino de mandritta
a spasso a spasso com’un can barbone?

 

Manco male! Ebbè, er fatto, sor Felisce
mia, fu assuccesso ggiù a Campo Vaccino
sott’a Ssanta Maria l’imperatrisce.4

 

Cosa sa ffà la fede! Un cordoncino
regge5 un dragone, che er barbiere disce
nun potería legà mmanco un cudino.6

 

10 ottobre 1830

 

 




1 Affatto.

2 SS. Quirico e Giuditta.

3 Ciardone, per «Giardoni».

4 Santa Maria Liberatrice.

5 Reggere.

6 Codino.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License