Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

86. Audace fortuna ggiubba tibbidosque de pelle1

 

Che sserve, è llasso!2 Guardeje in ner busto
si cche ggrazzia de ddio sce tiè anniscosta.
Sangue d’un dua com’ha da êsse tosta!
Quanto ha da spiggne! ah bbenemio, che ggusto!

 

Si cce potessi intrufolà3 sto fusto,
me vorrebbe ggiucà ppropio una costa
che cce faria de risbarzo e dde posta
diesci volate l’ora ggiusto ggiusto.

 

Tre nnotte sciò portato er zor Badasco4
a ffàna schitarrata co li fiocchi,
perché vviènghi a ccapì che mme ne casco.4a

 

vvojjo bbatte,5 e bbuggiarà li ssciocchi.
E cche mmale sarà? de facce6 fiasco?
’Na provatura costa dubbajocchi.

 

11 ottobre 1830 - De Peppe er tosto

 

 




1 «Audaces fortuna iuvat, timidosque repellit».

2 Esser l’asso, vale «essere il primo in checchessia».

3 Ficcar dentro.

4 Badaschi: cognome di un piccolo uomo colle gambe torte, il quale suona bene la chitarra.

4a Muoio d’amore.

5 Battere: far la dichiarazione.

6 Farci.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License