Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

88. Che disgrazzia!

 

1 li peccati mii, fijja: pascenza!2
Io te l’avevo trovo3 a mmutà stato,
cor un omo de garbo e de cusscenza,
e ’r mejjo nu lo sai: ricco sfonnato.

 

Che ccasa! che ccantina! che ddispenza!
C’è llatte de formica, oro colato.
Ah! ppropio era pe tté una providenza
da ccrepà d’invidia er viscinato.

 

Pe ccaparra, ecco cqui, mm’ero ggià ppresi
sti sei ggnocchi;4 e tte sento stammatina
rigràvida mommó5 dde scinque mesi.

 

C’avevo da sapé6 cche la spazzina7
te fasceva parlà cco li francesi?
Fàmme indovina ché tte fo rreggina.8

 

Roma, 12 ottobre 1830 - De Pepper tosto

 




1 Sono.

2 Pazienza.

3 Trovato.

4 Scudi.

5 Oggimai.

6 Come avevo io da sapere.

7 Spazzina: venditrice di minuti oggetti, per lo più ad uso di donne.

8 Fammi, ecc.: proverbio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License