Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

89. Ce conoscemo

 

Bella zitella che ffate a ppiastrella
cor fijjo der ,1 pss,2 dite, nun sbajjo?
sete voi quella che la date a ttajjo,
viscin’all’arco della Regginella?

 

Pasciocchettuccia3 mia, quanto sei bbella!
Ahú, fedigo fritto, (v. nota 3) spicchio d’ajjo, (v. nota 3)
quanno che vvedo a voi tutto me squajjo (v. nota 3)
in acquetta de cul de rondinella.

 

Eh voi, s’aggiusta inzomma sto negozzio?
Se poderebbe sto pangrattato?4
Me crepa er core de vedevve in ozzio.

 

Ma ssèntila! nnun pperché è ppeccato!
Oh ddatela a d’intenne ar zor Mammozzio:
gallina che nun becca ha ggià bbeccato.4a

 

12 ottobre 1830 - De Pepper tosto

 

 




1 Detto popolare.

2 Suono di chiamata.

3 Modi accarezzativi.

4 Accordo.

4a Proverbio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License