Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

92. Er ciàncico1

 

A ddà rretta a le sciarle der governo,
ar Monte nun c’è mmai mezzo bbaiocco.
Je vienissi2 accusí, sarvo me tocco,3
un furmine pe ffodera4 d’inverno!

 

E accusí Ccristo me mannassi5 un terno,
quante ggente sce campeno a lo scrocco:
cose, Madonna, d’agguantà6 un batocco
e dàjje7 in culo sin ch’inferno è inferno.

 

Cqua mmaggna er Papa, maggna er Zagratario
de Stato, e cquer d’abbrevi8 e ’r Cammerlengo,
e ’r tesoriere, e ’r Cardinàl Datario.

 

Cquaggni prelato c’ha la bbocca, maggna:
cqua inzomma dar piú mmerda ar majorengo9
strozzeno (vd. n. 1) tutti-quanti a sta Cuccaggna.

 

27 novembre 1830 - Der medemo

 

 




1 Il ciancico. Ciancicare significa presso i Romani «masticare», e in altro senso «mangiare alle spese d’altri». Questo secondo senso appartiene allo strozzare in significazione neutra.

2 Gli venisse.

3 Salvo dove mi tocco.

4 Per fodera di panni.

5 Mi mandasse.

6 Da afferrare.

7 E dargli.

8 E quello de’ Brevi.

9 Dall’infimo al sommo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License