Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

93. L’upertura der concrave

 

Senti, senti castello come spara!
Senti montescitorio come sona!
è sseggno ch’è ffinita sta caggnara,
e ’r Papa novo ggià sbenedizziona.

 

Bbe’? cche Ppapa averemo? è ccosa chiara:
o ppiù o mmeno la solita-canzona.
Chi vvôi che ssia? quarcantra faccia amara.
Compare mio, Dio sce la manni1 bbona.

 

Comincerà ccor aridà li peggni,
cor rivôtà le carcere de ladri,
cor manovrà li soliti congeggni.

 

Eppoi, doppo tre o cquattro sittimane,
sur 2 de tutti l’antri3 Santi-Padri,
diventerà, Ddio me perdoni, un cane.

 

2 febbraio 1831

 

 




1 Ce la mandi.

2 Sul fare.

3 Altri.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License