Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

97. A Nina1a

Imitazione del sonetto milanese del Porta:

«Sura Catterinin», etc.

 

Tra llantre1 tu’2 cosette che un cristiano
ce se3 farebbe scribba e ffariseo,
tienghi,4 Nina, dubbocce e un culiseo,
propio da guarní er letto ar gran Zurtano.

 

A cchiappe e zzinne, manco in ner moseo5
sc’è6 robba che tte po arrubbà la mano;7
ché ttu, ssenzagguantajje er palandrano,8
sce fascevi appizzà9 Ggiuseppebbreo.

 

Io sce vorrebbe10 franca10a ’na scinquina11 che nnaddrizzi ppiú ttu ccor l’occhietto,
che llantre (vd. n. 1) cor mostrà la passerina.12

 

Lo so ppe mmé, cche ppe ttrovà l’uscello,
s’ho da pisscià, cciaccènno13 er moccoletto:
e lo vedessi ,14 ppare un pistello!15

 

Fatto in Morrovalle, il 7 settembre 1831 - De Peppe er tosto

 

 




1a Caterina.

1 L’altre.

2 Tue.

3 Ci si.

4 Tieni.

5 Museo.

6 C’è.

7 Metafora presa dal maneggio de’ cavalli. Vale «vincere».

8 Afferrargli il mantello.

9 Appizzare, v. n.: «tener dietro, appetendo, ad una cosa».

10 Ci vorrei.

10a Sicura.

11 Una cinquina al giuoco del lotto.

12 V. sonetto

13 Ci accendo.

14 E se tu lo vedessi ora.

15 Pestello.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License