Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

98. A Teta1

Sonetto

 

Sentime, Teta, io ggià cciavevo dato
che cquarchiduno te l’avessi rotta;
ma che in sto stato poi fussi aridotta
nun l’averebbe mai manco inzoggnato.

 

De tante donne che mme scopato,
si ho mmai trovo a sto monno una miggnotta
c’avessi in ner fracoscio un’antra grotta
come la tua, vorebbèsse impiccato.

 

Fregheve, sora Teta, che ffinestra!
che ssubbisso de pelle! che ppantano!
Accidenti che cchiavica maestra!

 

Eppoi cazzo, si un povero gabbiano
te chiede de sonatte in de l’orchestra,
lo fai stà un anno cor fischietto in mano!

 

Morrovalle, 10 settembre 1831 - De Peppe er tosto

 

 




1 Questo sonetto e il seguente sono un’amplificata imitazione del sonetto del Porta, in dialetto milanese, che comincia: «Sent, Teresin, m’el sera daa anca mi», etc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License