Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

101. A Ghita

Sonetto

 

Nun zia mai pe ccommanno, sora Ghita:
diteme un , cchedè1 sta scolarella
che ssibbè2 cche vvoi èrivo3 zitella,
puro4 pe bbontà vvostra oggi m’è usscita?

 

Sta pulentina cqui dduncue ammannita
ve tienevio pe mmé nne la scudella?
Dio ve n’arrenni merito, sorella,
propio ve obbrigato de la vita.

 

E nun potevio fanne con de meno,5
sora puttanellaccia a ddu’ facciate,6
de viení a bbuggiaramme a ccier sereno?7

 

ccapisco perché cquer zor abbate,
che inzin’all’occhi ne dev’èsse pieno,
te porta a ffà le cotte pieghettate.

 

Morrovalle, 13 settembre 1831 - De Peppe er tosto

 

 




1 Che è.

2 Sebbene.

3 Eravate.

4 Pure.

5 Farne a meno.

6 Ipocrita.

7 A ciel sereno: apertamente.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License